Statua di Ribot fa la sua comparsa al centro della rotonda sul Sempione: sarà il biglietto da visita del paese.

Statua di Ribot è arrivata

Ribot è finalmente arrivato. E’ stata posata in queste ore, dallo Studio Agrotecnico Mori, la statua realizzata in cipresso che arrederà la rotatoria di Dormelletto. “Un sogno che si realizza dopo ben nove lunghi anni di lavoro”, commenta il sindaco Lorena Vedovato, che non si è voluta perdere assolutamente la posa della riproduzione del più forte e noto galoppatore di tutti i tempi, allevato proprio a Dormelletto da Federico Tesio negli anni Cinquanta. Il progetto per la sua installazione risale al giugno del 2009 ma solo ora si è riusciti a realizzarlo, grazie anche alla collaborazione con Anas.

Un ricco programma di eventi che parte con una mostra

Sono numerosi gli eventi con i quali l’Amministrazione intende celebrare la figura di Ribot e l’installazione della statua. Sarà proprio dedicata al campione purosangue Ribot infatti, la mostra a tema che a partire da sabato 22 sarà ospitata in sala polivalente. Oltre agli scatti di carattere documentaristico e al materiale in esposizione che ricostruirà la vita del memorabile cavallo che vinse tutte le corse a cui ha partecipato, saranno presenti anche cimeli di notevole rilevanza arrivati appositamente dall’America grazie all’interessamento del proprietario della Darby Dan Farm di Lexington e dei preziosi oggetti concessi dal marchese Incisa della Rocchetta. L’inaugurazione è prevista per le 16.30 in sala polivalente. La mostra si aprirà con testimonianze e racconti di personaggi che hanno accompagnato le imprese di Ribot. E’ promossa dall’Amministrazione e organizzata da un gruppo composto dalla curatrice Silvia Ceffa e dai collaboratori Paolo Crespi, Franco Castelfranchi, il sindaco Lorena Vedovato, Franco Ceffa, Antonio Guccione, Bruno Grizzetti e Damiano Malgaroli. Nell’esposizione riemergono i ricordi dei protagonisti della storia locale di un’epoca.

Leggi anche:  I-React, la app tutta torinese per fronteggiare le emergenze ambientali

Lunedì 24 sarà il grande giorno

E’ stato organizzato inoltre un importante evento che richiamerà tutto il gotha del mondo ippico a livello internazionale e a cui sarà dedicato l’intero pomeriggio di lunedì 24. La rotonda sul Sempione sarà inaugurata alle 15.30. A seguire si terrà la visita alla mostra con gli interventi dei relatori che porteranno la testimonianza del loro vissuto a Villa Tesio negli anni ‘50. Dopo l’elegante rinfresco al parco Ribot gli ospiti saranno accompagnati con un trenino panoramico verso la tenuta del marchese Incisa della Rocchetta, dove è nata la famosa Razza Dormello Olgiata. Per l’occasione sarà conferita la cittadinanza onoraria al marchese Mario Incisa Della Rocchetta e al “mago” degli allevatori senatore Federico Tesio.