Videoslot illegali trovate in un bar di corso Grosseto a Torino dalla Guardia di finanza. Il titolare è un uomo di 50 anni di origine cinese. Ne danno notizia i colleghi della nuovaperiferia.it.

Videoslot illegali

Lontani da occhi indiscreti, collocati in una stanza attigua al locale e accessibile solamente ai giocatori “affezionati”. È qui, in un bar nei pressi di corso Grosseto, che la Guardia di Finanza di Torino ha sequestrato, nei gironi scorsi, 6 videopoker totalmente abusivi e sprovvisti di ogni autorizzazione.

Slot machine illegale multa da 8mila euro per il gestore

Una vera e propria sala slot

Il titolare del bar, un cinquantenne di origine cinese, aveva allestito una vera e propria sala slot illegale all’interno della quale accedevano solamente clienti “selezionati”, perlopiù pensionati e giocatori incalliti.

I reati

Le slot, come detto, oltre ad essere sprovviste delle autorizzazioni necessarie al fine di tutelare gli scommettitori, non erano nemmeno state collegate alla rete dei Monopoli di Stato; in tal modo, l’imprenditore riusciva ad eludere tutte le imposte dovute

Leggi anche:  Automobilisti aronesi attenti: multe a chi schizza i pedoni

Evasione fiscale

I Finanzieri, nel corso delle indagini, hanno ovviamente approfondito anche la posizione fiscale dell’imprenditore; gli accertamenti condotti hanno così permesso di accertare un’evasione di oltre 780.000 euro.

Le sanzioni

Ammontano invece a circa 90.000 euro le sanzioni inflitte all’imprenditore per le numerose irregolarità amministrative accertate; le videoslot illegali e i relativi incassi, invece, sono state sequestrati.

Anche un esercente novarese era stato sanzionato qualche mese fa.