Addio Paolo Minella. Castelletto è sconvolta per la scomparsa di un personaggio molto amato e conosciuto.

Addio Paolo: gli è stata fatale una delicata operazione

Tutto il paese è rimasto sconvolto per la scomparsa di Paolo Minella. L’uomo, 36 anni, lascia la moglie Elisa, il bambino di 7 anni, la mamma Mariuccia e i fratelli Giuseppe, Luisa e Carla. A causare la scomparsa del giovane papà le complicazioni che si sono verificate nel corso di un’operazione piuttosto delicata condotta all’ospedale San Raffaele di Milano. Minella infatti, aveva scoperto di avere una patologia che gli aveva provocato alcuni problemi di salute. Qualche mese fa si sono presentati alcuni problemi e i medici lo hanno messo di fronte a una scelta: operarsi o rischiare di perdere alcune funzionalità. “Si è confrontato con me – dice la moglie – ma ha scelto la seconda strada, e purtroppo le complicazioni si sono presentate e lo hanno portato alla morte. E’ stato sfortunato, ma ha affrontato questa scelta, questa sfida, a testa alta e a petto in fuori, consapevole di ciò che rischiava”.

Un castellettese doc innamorato della campagna

Castellettese doc, Paolo Minella aveva iniziato a lavorare molto presto, appena terminati gli studi alle scuole medie. Iniziò come imbianchino e poi 15 anni fa cambiò completamente settore, passando a lavorare in un’officina di Buguggiate, dove curava gli stampi di materie plastiche. “Ciò che gli piaceva di più però – dice la moglie Elisa – era vivere in campagna. E’ una passione che gli ha trasmesso a suo tempo suo papà Luciano. Poi quando lui è morto, Paolo ha iniziato a dedicarsi nel tempo libero alla campagna, probabilmente anche per testimoniare l’amore che ha sempre nutrito per la figura di suo papà. Lo rilassava, gli piaceva vivere all’aria aperta, usare il trattore, curare i campi o andare a caccia: era quella la sua dimensione naturale”.

Leggi anche:  Famiglia bloccata in terrazza a Borgomanero nella casa in fiamme

IL SERVIZIO COMPLETO CON L’INTERVISTA ALLA VEDOVA SUL GIORNALE DI ARONA IN EDICOLA VENERDÌ