Castelletto e Varallo in lutto per Flavio Tosatto. Era una vera colonna dell’associazione Pescatori castellettesi.

Castelletto e Varallo in lutto per Tosatto

Per chi frequentava l’ambiente dei pescatori e in generale il Ticino Flavio Tosatto era un’autorità. A Castelletto chiunque abbia avuto modo di conoscerlo lo ricorda come un volontario instancabile, un vero amante della natura e della vita all’aria aperta. L’uomo, 73 anni, è scomparso lo scorso primo aprile, dopo un periodo di malattia. Originario del Veneto, si trasferì a Castelletto quando aveva appena 7 anni. Finito il periodo delle scuole dell’obbligo, a 14 anni, dovette subito darsi da fare.

Il ricordo commosso della moglie

“Iniziò a lavorare come panettiere – ricorda la moglie Rosa – e continuò a fare questo lavoro per lungo tempo, prima dell’arrivo dei centri commerciali sull’asse del Sempione. A quel punto la concorrenza della grande distribuzione iniziò a farsi sentire, e Flavio dovette cambiare lavoro. Così fu assunto dalla riseria di Varallo Pombia”. E’ proprio nel periodo in cui lavorava come panettiere che conobbe la moglie. Con lei si sposò nel 1973 e creò una bellissima famiglia, a cui era estremamente legato. Prima nacque il figlio Alessandro, e poi, molti anni più tardi, vennero al mondo anche i nipotini Azzurra e Valentino. “Per i suoi nipotini – continua la moglie – Flavio avrebbe fatto qualsiasi cosa. Era molto legato a loro e fino a quando ha potuto, fino all’arrivo della malattia, a ottobre, ha sempre giocato con loro. Poi i medici ci hanno dato la notizia che nessuno avrebbe voluto sentire. Nonostante tutto lui non ha mai perso la speranza di poter tornare a pescare al Ticino e di poter ricominciare a giocare con i suoi amati nipoti”.

Leggi anche:  Si sente male all'Esselunga di Castelletto: soccorsa dalla Croce rossa

Il grande impegno per l’ambiente

Tosatto era conosciuto per l’impegno nell’associazione dei Pescatori castellettesi e soprattutto per il progetto di pulizia delle sponde del Ticino nella zona di Vernome, diventata oggi, anche grazie all’impegno di cacciatori e pescatori, un vero e proprio fiore all’occhiello di tutto il territorio castellettese. E alla passione per la pesca e per la natura Tosatto ha dedicato quasi tutta la sua esistenza. Nelle fila dell’associazione Pescatori ha seguito per lungo tempo anche i progetti di avvicinamento alla pesca per bambini e persone diversamente abili. E in tanti hanno voluto salutarlo un’ultima volta lo scorso 3 marzo, in occasione del suo funerale. “Ciao Flavio – scrive il presidente dei Pescatori Simone Trinca – un grazie immenso per il tempo che ci hai dedicato nella tua vita, per la nostra società e per il tuo amato Ticino, di cui ti prendevi cura con passione. Rimarrai sempre nei miei ricordi, perché una grande amicizia non si scorda mai. Un grande amico, un grande pescatore, un grande uomo. Arrivederci”.