Coniugi morti tamponati da un carro funebre di un’impresa di Galliate. Prima è spirata Silvana Marcotti e poi Mario Marcotti. Lasciano un figlio.

Coniugi morti i dettagli

I due coniugi triveresi morti l’altra notte sulla Torino-Milano stavano tornando dopo essere andati a prendere (probabilmente in aeroporto) la sorella di lui, che tornava da una vacanza all’estero. Cominciano così a chiarirsi i contorni di una tagedia che ha scosso il Biellese, ma anche Varallo, città da cui era oraginario il marito.

Le vittime sono Germana Boin, classe 1962, e Mario Marcotti, nato nel 1961 appunto a Varallo. I due abitavano in frazione Mazza. Lui lavorava nell’azienda Giletti di Ponzone, lei era casalinga. Avevano un figlio di 35 anni, anche lui dipendente di una ditta tessile.

Erano andati a prendere la sorella di lui, Silvana Marcotti, di ritorno da un viaggio. Tornando indietro, sono stati tamponati da un carro funebre che ha fatto perdere il controllo al conducente (non è ancora accertato se guidasse Silvana o Mario). La loro 600 ha sbandato e si è schiantata violentemente contro la barriera di cemento. Germana è morta quasi subito, Mario ha cessato di vivere dopo qualche ora nell’ospedale di Novara. Ferita ma in modo meno grave Silvana.

Leggi anche:  Forte schianto a Trecate

Il carro funebre è di un’impresa di Galliate: tornava da Lecce, dove aveva trasportato un feretro. La prossima settimana verrà effettuata l’autopsia, poi sarà fissata la data del funerale.