Coniugi novaresi minacciati con un martello dalla famiglia che occupava l’altra porzione di una grossa casa presa all’asta.

Coniugi novaresi minacciati con martello

Avevano acquistato una grande casa all’asta. Da subito però erano stati minacciati dagli occupanti di una porzione di quella stessa abitazione. Una vicenda lunga e culminata con l’arresto di 4 persone gravemente indiziate dei reati di Estorsione Continuata e Violazione
di Domicilio.

I fatti

Nel mese di aprile 2017 i due coniugi novaresi avevano partecipato ad un’asta immobiliare e si erano aggiudicati una porzione di un immobile in precedenza pignorato ad una società fallita. L’immobile in questione, ha suscitato indubbiamente l’interesse di chi ne occupava già una porzione. I primi segnali d’allarme sono giunti alla coppia novarese, allorquando, nel corso di un sopralluogo dell’immobile d’interesse, sono stati avvicinati dall’allora proprietario dell’immobile.

Questi ha cercato di scoraggiarne l’acquisto e, da lì, unitamente ai suoi familiari, ha dato vita ad una serie minacce culminate con l’episodio del 24 febbraio dove gli agenti intervenuti hanno sequestrato anche un martello da muratore verosimilmente utilizzato per minacciare i due coniugi novaresi.

Leggi anche:  Scossa di terremoto in Piemonte

Nelle giornate del 9 e 12 aprile i quattro sono stati ristretti presso le case circondariali di Novara e Vercelli.