Quando si parla di sassi sulle macchine la memoria non può che tornare alla tragedia di Tortona di vent’anni fa. Un folle gioco che uccise un’incolpevole ragazza e relegò dietro le sbarre due fratelli e un cugino. Un incubo che ogni tanto torna a fare capolino nelle cronache: nella serata di sabato 24 novembre 2018, un sasso dal cavalcavia ha colpito un’auto che stava viaggiando sull’autostrada A21 Torino-Piacenza. E’ successo nel tratto compreso tra i caselli di Casteggio e Broni-Stradella, a una manciata di chilometri proprio da Tortona, anche se nel tempo di folli gesti analoghi le cronache ne hanno registrati parecchi, purtroppo.

Sasso dal cavalcavia, occupanti illesi

Fortunatamente sabato sera ne sono usciti illesi i due occupanti della vettura, una coppia di Bressana Bottarone, anche se lo spavento per loro è stato davvero grande. I due, a bordo della vettura, stavano percorrendo l’autostrada quando all’altezza di un cavalcavia nella zona di Redavalle hanno sentito un rumore fortissimo provenire dal tetto della vettura.

Come racconta GiornalediPavia.it, il conducente si è  fermato per capire cosa fosse successo e si è reso conto che il tettuccio dell’auto era andato distrutto presumibilmente dal lancio di un sasso. Dell’oggetto però nessuna traccia. Probabilmente, una volta colpita l’auto, è rimbalzato sulla tendina che si trova tra il tettuccio apribile e l’abitacolo. Sulla vicenda sono in corso indagini da parte delle forze dell’ordine.

Leggi anche:  Disabile umiliato e offeso: "puzzi"

Nilde, uccisa nel Milanese

Nilde Caldarini è stata uccisa un anno fa dal sasso lanciato da un terrapieno ai lati della sp121 tra Cernusco e Carugate, nel Milanese. Sono passati più di dodici mesi da quel 9 novembre, ma il fatto è ancora avvolto nel mistero: si cerca ancora il colpevole del folle gesto, costato la vita alla 62enne. Intanto proseguono le indagini.

 

LEGGI ANCHE – Lanciano sassi dal cavalcavia nel torinese.