Presepe di Dorbiè allestito nello spiazzo accanto a via Varallo Pombia, a Castelletto. L’opera quest’anno comprende ben 140 figure diverse.

Presepe di Dorbié compie 14 anni

Continua con grandissimo successo la tradizione del presepe statico realizzato come ogni anno dall’artista castellettese Daniele Gaboli per festeggiare il Natale insieme ai volontari del rione Dorbié. L’opera è stata riassemblata come ogni anno sabato 8 dicembre, nel prato di proprietà di Lino Seregni che si affaccia su via Varallo Pombia, al confine con Varallo per l’appunto.

Una tradizione che ha raggiunto numeri da record

Il presepe statico ha raggiunto quest’anno delle dimensioni mai viste. I numeri di quest’opera, che anno dopo anno a partire dal 2004 fa la sua comparsa nel prato del rione, sono davvero impressionanti. 500 sono infatti i metri quadrati di terreno adibiti a spazio libero per la fantasia di Gaboli. 200 i metri di perimetro costruttivo, oltre 140 le figure realizzate per rappresentare personaggi del presepe e animali. Una città nella città che grazie alle sagome e ai colori scelti dall’artista stupisce i castellettesi da ben 14 anni.

Leggi anche:  Volontari e studenti protagonisti per le giornate del Fai a Castelletto

L’opera è visitabile fino al 6 gennaio

L’opera, realizzata dall’artista Daniele Gaboli con la collaborazione di Lino Seregni (proprietario del terreno) e dei volontari del rione Dorbiè Massimiliano Freddi, Giorgio Tognoni, Edoardo e Claudio Stagni, Virginio Manini, Emilio e Nino Guenzi, ha anche un imponente impianto di illuminazione che la rende visitabile anche la notte. I cancelli del terreno che la ospita saranno aperti fino alle prime ore della sera e il presepe potrà essere ammirato fino al 6 gennaio.