Quasi 30mila libri nel patrimonio della biblioteca comunale di Castelletto. Questi i dati resi pubblici durante l’open day della struttura.

Quasi 30mila libri in biblioteca

Nella biblioteca comunale castellettese sono conservati 28.929 libri e 2.360 dvd. Ogni anno si svolgono 10.500 prestiti, con una media di 875 al mese. 985 sono gli utenti attivi e la biblioteca è inserita nella rete bibliotecaria Bant, attraverso la quale vengono effettuati 712 interprestiti. Questi sono i numeri resi pubblici nel corso dell’open day della struttura, organizzato sabato 24 novembre. Per l’occasione nella struttura è stata anche inaugurata, e sarà visitabile fino all’8 dicembre la mostra dal titolo “Novara e provincia, una finestra sul territorio”. L’esposizione raccoglie gli sketch più rappresentativi dei punti di interesse di alcuni degli 88 comuni della provincia ed è stata realizzata grazie ai lavori dei ragazzi dell’istituto Casorati.

Non solo prestiti e consultazioni

Nella biblioteca del paese non esistono però solo le normali attività di prestito e consultazione di libri e dvd. Un fiore all’occhiello è rappresentato infatti dal gruppo di lettura, che si riunisce al martedì sera. “Il gruppo è nato nell’ambito dell’assessorato alla cultura – dice la volontaria Chiara Bertolotti – ci incontriamo una volta al mese e commentiamo le opere di autori italiani e stranieri”.  Un’esperienza che invece prosegue da ormai 14 anni è quella dei laboratori di Nati per leggere tenuti dalla volontaria Antonella Tantardini e indirizzati ai più piccoli. “Con il passare degli anni – dice la responsabile Antonella Tantardini – la nostra utenza è cresciuta tantissimo e ora ci sono bambini che venivano alle letture animate che ora sono al liceo. Nell’ambito del progetto inoltre per ogni bambino nato a Castelletto viene donato al momento della registrazione all’anagrafe un nuovo libro”.

Leggi anche:  Cureggio celebra la grande guerra omaggiando i caduti

Una grande attenzione anche nei confronti del mondo della disabilità

Un’attenzione particolare è riservata poi in biblioteca ai ragazzi diversamente abili del Cisas, per i quali è stato attivato il gruppo Growing up, diretto da Luisa Brunello. “Il laboratorio è attivo ormai da molti anni – racconta Brunello – scegliamo un tema sul quale lavorare nella lettura dei libri che proponiamo ai ragazzi e organizziamo lavori collettivi sull’argomento, come nel caso del passare delle stagioni, della guerra o del rispetto per la natura”.