Approvato il bilancio provinciale: investimenti sulle scuole sia per l’edilizia sia per le iniziative.

Approvato il bilancio

Attenzione all’edilizia scolastica e agli interventi: il tema è stato fra quelli affrontati in occasione del Consiglio provinciale di venerdì 22 marzo in cui si è approvato il Bilancio di previsione.  A intervenire sull’argomento il Consigliere con delega all’Edilizia scolastica e all’Istruzione Andrea Crivelli: “Quello del 2019 sarà un bilancio ambizioso, che richiederà un impegno mai messo in atto prima. Significa che da subito dovremo rimboccarci le maniche”.

Gli interventi

Saranno dodici gli edifici per i quali si raggiungerà la Scia antincendio, con fondi che in parte derivano dalla Regione per un importo di 1,2 milioni di euro di opere, circa 1,7 milioni incluse le pratiche: le scuole interessate da questi interventi sono il Liceo Antonelli, i due edifici di Borgomanero, il Cavallini di Lesa, il Fauser, il Liceo di Gozzano, l’Ipsia Bellini, il Liceo Classico e Linguistico Carlo Alberto, il distaccamento alberghiero del Ravizza a Vignale e infine l’edificio che ospita l’edificio di via Camoletti che ospita il musicale Casorati e alcune aule del Fauser. A questi vanno aggiunti gli interventi sul distaccamento di viale Curtatone dell’Omar e sull’istituto Nervi, sempre finalizzati alla messa a norma antincendio. Altri interventi riguarderanno il rifacimento del campetto da calcio nel “quadrilatero” degli istituti Mossotti, Nervi e Omar e l’intervento in prosecuzione dei lavori del comune di Novara sulla rampa
del liceo classico, nella porzione di competenza provinciale, al fine di ripristinare la possibilità di
passaggio per molti studenti e docenti.

Leggi anche:  Addio a Piero Quaglia: pediatra di generazioni di novaresi

Istruzione

Edilizia, ma anche istruzione. “Avremo a disposizione 927mila euro, di cui circa 720mila saranno destinati agli educatori per gli alunni diversamente abili che frequentano le nostre scuole superiori e i restanti al servizio di trasporto; – prosegue Crivelli – si tratta di risorse in parte trasferite dallo Stato, in parte dalla Regione, abilmente recuperate e gestite in modo oculato dal personale dell’ufficio: Novara garantisce un servizio di eccellenza rispetto a tutte le altre province piemontesi, nonostante il costante taglio di risorse e il numero crescente di richieste. E avremo, infine, 10mila euro, contro i 2mila dello scorso anno, da utilizzare per iniziative scolastiche”.