Arona Gusmeroli ha comunicato di destinare la sua indennità di sindaco a quattro iniziative. Il pd critica il modo e anche una delle destinazioni.

Arona Gusmeroli e la polemica sull’indennità

“Dopo la mia elezione a componente del Parlamento Italiano, stante l’incompatibilità di cumulo di indennità di carica, ho deciso di destinare a quattro iniziative diverse i risparmi derivanti dalla mia intera indennità di funzione di Sindaco”.

Gusmeroli, nello specifico, ha deciso di destinare 1000 euro all’avvocato Lisa Tamaro come consulente nelle questioni relative al trasporto ferroviario.

A un progetto innovativo per contrastare la diminuzione della popolazione residente.

Alla riduzione della tassa rifiuti di locali pubblici (bar e gelaterie), qualora sostituiscano il vetro e la plastica con materiali bio.

Aiuti economici per famiglie in difficoltà individuate dai Servizi Sociali.

L’attacco del Pd

“Ricordiamo che quei soldi non sono suoi ma dei cittadini aronesi. Non è quindi lui che può decidere come destinare quella cifra ma l’organo che rappresenta i cittadini, cioè il consiglio comunale. Visto che ancora non è stato nominato Podestà, bene avrebbe fatto se nel comunicato avesse scritto “proporrò al consiglio comunale di destinare …..ecc”.

Leggi anche:  Ruba furgone aziendale e si dà alla fuga: arrestato

Entrando poi nel merito delle proposte siamo invece perplessi riguardo l’iniziativa di nominare la dott.ssa Tamaro consulente per le questioni relative al trasporto ferroviario dei pendolari. Non perché questo argomento non meriti attenzione ma perché non riteniamo che debbano essere solo gli Aronesi a farsi carico del problema che interessa 33 comuni. Riteniamo comunque, che, per trasparenza, l’incarico di consulenza debba essere assegnato tramite bando”.