Ministro Bonisoli, castellettese, in visita a Palermo fa un paragone fra “specie migranti”, cioè piante esotiche arrivate da altri Paesi, e migranti in senso letterale.

Ministro Bonisoli sui migranti, le parole riportate da Repubblica

“Quando arrivano alcune specie di piante da fuori, se non c’è un processo artificiale che regola l’acclimatamento, possono diventare infestanti. Serve del tempo per questa fase di acclimatamento che nel nostro Paese non credo sia stato sufficiente. Ecco perché abbiamo situazioni di disagio, di paura da parte di cittadini che non hanno compreso questo cambiamento e come possa essere affrontato. Il dialogo interculturale può aiutare a superare questa situazione”.

LEGGI ANCHE – DOMENICHE GRATIS AI MUSEI: BONISOLI DICE BASTA

LEGGI ANCHE – BESOZZI “E’ UN ONORE AVERE UN MINISTRO CASTELLETTESE”