Il consigliere Matteo Marnati sulla mozione migranti in comune a Novara: “Ballarè chieda scusa alla comunità ebraica”.

La dichiarazione di Marnati dopo il caos in consiglio a Novara

“Ritengo che quanto accaduto nell’ultimo consiglio comunale del 13 dicembre sia un fatto grave. Nella discussione sulla nostra mozione c’è stato l’intervento del capogruppo del Partito democratico che ha fatto dichiarazioni lesive ed offensive nei confronti di coloro che hanno subito le leggi razziali nella seconda guerra mondiale”. La mozione della Lega nord infatti propone di chiedere ai privati che intendano accogliere migranti di comunicarlo all’amministrazione comunale.

Il virgolettato di Ballarè

Marnati riporta il virgolettato dell’ex sindaco:

«”Andate dai vicini a raccontare questa cosa, dirgli, guarda che vogliono portare qui vicino degli immigrati?…voi vi ricordate quando si adottavano strumenti di questo genere? Mi pare che stiate perdendo il senso della storia e il senso della misura. Si va un po’ troppo a quanto è accaduto, qui sì, un po’ prima del 45″. In realtà il senso della storia è stato perso dal Partito Democratico, che evidentemente, non avendo più argomenti politici, tira in mezzo alla discussione un periodo storico tragico della seconda guerra mondiale. Le leggi raziali furono rivolte prevalentemente, ma non solo, contro le persone di religione ebraica e portarono migliaia di morti”.

Leggi anche:  No Tav, Lega: “Battaglie politiche personali”

“Un brutto esempio”

“Ritengo che le dichiarazioni di Ballarè – conclude Marnati – siano un brutto esempio, soprattutto per le nuove generazioni e che siano rischiose e possano far passare il messaggio che si può usare il tema della deportazione della seconda guerra mondiale per fini esclusivamente politici e creare allarmismo nella popolazione. Affrontare e paragonare in maniera cosi superficiale un evento cosi tragico credo che meriti almeno le scuse nei confronti della comunità ebraica e tutti coloro che hanno perso la vita e inoltre mi aspetto che il Partito Democratico prenda le distanze da queste dichiarazioni”.