Il 14 novembre ricorre la giornata mondiale del diabete: le inziative dell’Asl novarese.

Giornata mondiale del diabete: le iniziative dell’Asl novarese

Il 14 novembre ricorre la “Giornata mondiale del diabete” istituita nel 1991 dalla Federazione Internazionale del Diabete e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità in risposta alla crescente sfida alla salute, in considerazione dell’aumentata incidenza del diabete in tutto il mondo. Il diabete è una grave patologia che interessa soprattutto i Paesi industrializzati, ma battere la malattia sul tempo è possibile: diagnosi precoce, prevenzione, stile di vita corretto, consapevolezza ed educazione possono contribuire ad arginarla. Tale giornata viene celebrata ogni anno il 14 novembre che coincide con la data di nascita di Frederick Banting (il co-scopritore dell’insulina con Charles Best nel 1922) ed è coordinata sul territorio italiano attraverso i membri delle organizzazioni che compongono Diabete Italia. “Famiglia e diabete” è il tema cardine dell’appuntamento del 2018 che si svolgerà nella settimana dal 5 al 18 novembre nelle piazze italiane. L’ASL NO  mette in atto interventi per prevenire e curare questa patologia, attraverso una rete di ambulatori diabetologici che, in stretta collaborazione con i Medici di Medicina Generale (Medici di Famiglia), garantisce agli individui affetti da tale patologia una assistenza sempre più appropriata e attenta ai loro bisogni.

Sabato 17 porte aperte degli ambulatori di Arona e Borgomanero

Medici e Infermieri dell’ASL NO e i Rappresentanti delle Associazioni di diabetici saranno a disposizione degli interessati sabato 17 novembre  2018 dalle 8.30 alle 12.30 aprendo le porte degli ambulatori ad Arona [via San Carlo, 11 – Arona – 1° piano] e di Borgomanero ( via Monsignor Cavigioli – Borgomanero – 2° piano Palazzina prelievi ) per informare la popolazione su questa patologia, sulle sue possibili complicanze (retinopatia, alterazioni cardiocircolatorie, ictus) e offrendo la possibilità di effettuare uno screening gratuito a tutti coloro che vogliono verificare se hanno predisposizione alla malattia diabetica.

Leggi anche:  La serra che aiuta a sfamare il mondo è a Novara

Il commento della diabetologa Maria Chantal Ponziani

“E’ frequente infatti che persone portatrici di diabete non ne siano a conoscenza. Tra i fattori di rischio annoveriamo obesità, sedentarietà, ipertensione, alterazione dei grassi nel sangue e familiarità alla malattia diabetica – afferma Maria Chantal Ponziani, Dirigente Responsabile della Struttura di Diabetologia dell’ASL NO – Il controllo consiste nella compilazione di un questionario, nella misurazione di peso, altezza, circonferenza vita e pressione arteriosa, nella determinazione della glicemia capillare. Tali esami consentono di individuare persone a rischio. L’accesso è gratuito, non sono necessarie prenotazione né impegnativa, è sufficiente presentarsi direttamente”.